Come a Betlemme

Dicembre 2019 - Gennaio 2020

Presepe Vivente nel Parco Fattoria

Pastori esultanti, artigiani nelle botteghe, la Madonna in groppa all’asinello, portato da San Giuseppe, gli spaccati di vita quotidiana di più di 2.000 anni fa, tutto in un ambiente naturale di grande bellezza, per vivere il momento della nascita di Gesù Bambino e sentire il caldo Natale

Parco Fattoria “Rosario Carimi”

Il “Villaggio di Betlemme” è allestito nel Parco fattoria “Rosario Carimi”, nella zona tra l’abitato di Castelvetrano e la diga Trinità di Delia. La ricostruzione scenica avverrà nel contesto del Parco esteso su 17.000 metri quadrati che accoglie 400 animali di 50 specie diverse. Un luogo che, in modo naturale, somiglia già a quello dove nacque Gesù e che rivivrà con artigiani (tra questi il maniscalco), locande, animali e la Natività che rappresenterà la tappa finale del percorso.

Figuranti

Animali

Metri quadrati

I nostri animali

In un’atmosfera dove il tempo pare essersi fermato, si sentono i versi di ogni sorta di animale, superbi e fieri in un mondo che appartiene solo a loro, integrati perfettamente nel contesto della rappresentazione del Villaggio, diventano protagonisti della più bella natività.

Dall’imponente cammello all’asino ragliante questo presepe simbolo natalizio per eccellenza rispecchia la più antica delle tradizioni in cui loro, gli animali, ora come allora sono il segno di una natura perfettamente allineata.

Gretel

Capra Girgentana

Tako

Fagiano dorato rosso

Be Beep

struzzo maschio

Edizione 2018 - TGR

Importante l’eco ricevuto nel 2018, dai TG regionali a programmi nazionali, i quali hanno dedicato interi servizi al Villaggio di Betlemme, e che li ha visto gli inviati letteralmente addentrati in questo mondo magico nato da una promessa e diventato reale.

Edizione 2018

Edizione 2019

Una scommessa, sacrifici, impegno e dedizione hanno fatto si che quest’iniziativa diventasse un progetto importante, volutamente creato nell’esatta rappresentazione dell’anno zero in un momento in cui il paese ha bisogno di spunti per ricominciare a credere nella rinascita partendo dalle piccole cose.